Reti Industriali: Phoenix Contact al tuo servizio

News
Reti Industriali: Phoenix Contact al tuo servizio

Posted on 13Ott

Phoenix Contact, azienda leader nel settore di elettronica, elettrotecnica e automazione industriale, raggiunge il successo anche nel settore della comunicazione di rete industriale e della cyber security con l’ampia gamma di prodotti offerti e il servizio di consulenza personalizzato.

Se la tua azienda ancora non è adatta ai processi di digitalizzazione, Phoenix Contact può sostenerti offrendo un know-how approfondito e una tecnologia di rete sicura. Il Team di esperti, sempre attento ad aggiornare le proprie conoscenze, offre il proprio contributo quotidiano con le ultime novità e approfondimenti per una tecnologia di rete affidabile e sicura.

Quali sono i servizi offerti da Phoenix Contact?

Pianificazione della rete di produzione

Phoenix Contact vi guiderà in fase di pianificazione e implementazione della vostra rete di comunicazione industriale, ponendo l’attenzione agli elementi indispensabili per una tecnologia di rete potente e affidabile:

  • Cyber Security, necessario per la protezione degli impianti da attacchi, spionaggio di dati, virus e compandi errati;
  • Diagnostica di Rete, indispensabile per non trovarsi ad affrontare gravi problemi. La diagnostica di rete previene, rintraccia e risolve velocemente i problemi di rete.

Corsi di Formazione e Seminari

Phoenix Contact offre un’ampia offerta formativa: percorsi di formazioni vari in aula e online, con i migliori esperti, per acquisire competenze tecniche aggiornate per la progettazione e protezione delle reti industriali.

  • Ethernet Basic
  • Corso Ethernet Advanced
  • Corso Ethernet Monitoring & Troubleshooting
  • Network Security: Firewall
  • VPN Secure Remote Maintenance
  • Wireless LAN Expertise

Consulenza personalizzata

Per una rete sicura, Phoenix Contact offre il servizio di Consulenza personalizzato sia per la fase di pianificazione che di implementazione con i migliori componenti di qualità, garantendo il massimo dell’affidabilità.

Componenti di Rete

Scoprite più di 12.000 componenti per le reti attive e passive: dalla comprovata tecnologia di bus di campo alla moderna tecnologia Ethernet, dalla spina allo switch.

Consulenza qualificata

Phoenix Contact vi guiderà durante tutte le fasi di implementazione della rete industriale: dalla pianificazione alla scelta dei componenti. Il team di esperti saranno lieti di offrire il proprio contributo, condividendo l’esperienza decennale nel campo dell’automazione, delle tecnologie di comunicazione e security.

Per maggiori informazioni sui servizi visita il sito Phoenix Contact

Torna indietro alla sezione News


News
Satech realizza protezioni perimetrali per robot industriali

Posted on 18Set

Il continuo sviluppo dell’Industria 4.0 ha favorito la diffusione nel mondo industriale dell’utilizzo di robot industriali. I sistemi di automazione vengono ormai utilizzati in diversi settori e svariate applicazioni, comportando un cambiamento nella gestione del lavoro, ma anche degli spazi all’interno delle aziende. Il cambiamento dello spazio di lavoro porta con sé come conseguenza anche l’adozione di misure obbligatorie di protezioni per robot e isole robotizzate per la tutela dei lavoratori.

Al fine di garantire un ambiente di lavoro sicuro, è stata introdotta la norma UNI ED ISO 10218-2: una norma tecnica di tipo C che identifica i pericoli che derivano dall’introduzione di robot industriali, sistemi di robot industriali e celle di robot industriali e i requisiti di sicurezza da adottare.

Secondo la norma, è importante distanziare i lavoratori dai robot industriali. Per questo motivo, le protezioni perimetriali devono essere progettate ed installate in base agli specifici requisiti identificati dall’analisi dei rischi: è importante che vengano rispettate le distanze minime di sicurezza tra le persone e gli eventuali rischi.

Per identificare la distanza giusta dove applicare le protezioni perimetrali, bisogna comprendere gli spazi tridimensionali operativi:

  • spazio massimo, che comprende l’intera area raggiungibile dal robot, compreso il proprio manipolatore e il volume di manovra;
  • spazio ristretto, costituito dallo spazio che può essere raggiunto dal robot dopo che sono stati installati i dispositivi di limitazione del movimento del robot, normalmente corrisponde allo spazio operativo;
  • spazio protetto, ovvero lo spazio definito dal perimetro di sicurezza secondo le norme sopra citate, questo può anche coincidere con lo spazio ristretto ma mai essere minore.

Per quanto riguarda l’altezza delle protezioni perimetrali di isole robotizzate, per impedire il raggiungimento di zone pericolose con gli arti superiori ed inferiori, la norma indica che le protezioni perimetrali non possono avere un’altezza inferiore ai 1400 mm dalla superficie calpestabile adiacente.

Per evitare qualsiasi rischio legato all’utilizzo dei robot industriali, Satech garantisce protezioni perimetriali robuste e resistenti agli impatti. Vengono effettuati test di resistenza per garantire la sicurezza contenuta nella norma EN ISO 14120, contenente i “requisiti generali per la progettazione e la costruzione di ripari fissi e mobili”.

Non solo! Satech si occupa di progettare il layout personalizzato per ogni specifica applicazione, oltre che la possibilità di scegliere tra un’ampia gamma di porte e accessori, per garantire la sicurezza della vostra azienda e dei vostri collaboratori.

Per maggiori approfondimenti sulle protezioni perimetrali per robot industriali di Satech clicca qui.

Scopri altre soluzioni industriali!


News
AV900 il nuovo lettore 2D Datalogic

Posted on 25Ago

Datalogic, azienda è specializzata nella progettazione e produzione di lettori di codici a barre, mobile computer, sensori per la rilevazione, misurazione e sicurezza, sistemi di visione e marcatura laser, amplia la famiglia di lettori con il rivoluzionario AV900. Si tratta di un lettore industriale 2D con tecnologia imager da 9 MP ad alta risoluzione.

Il lettore AV900 è la soluzione ideale per i settori dei trasporti, logistica, distribuzione e aeroporti.

Dotato di una maggiore risoluzione – incrementata del 40% rispetto ad una fotocamera di 5 megapixel – riesce a ricoprire un’area molto estesa del campo visivo. In questo modo, il sistema di acquisizione dati prevedere un numero di telecamere inferiore, riducendo notevolmente il costo totale dell’investimento e massimizzando la produttività.

Il lettore AV900 riesce a catturare le immagini ad alta qualità, fornendo prestazioni eccellenti, soprattutto nei casi in cui i codici a barre sono difficili da leggere. In più, la porta Ethernet ad alta velocità dedicata al trasferimento delle immagini rendono perfetto il dispositivo per OCR, applicazioni di codifica video e analisi di ispezioni post elaborazione.

Altre funzioni rendono unico il lettore AV900, come l’acquisizione dei fotogrammi continua (ben 32 fogorammi al secondo), messa a fuoco dinamica o regolabile alle diverse opzioni di obiettivi multipli, l’illuminazione integrata banca o rossa non lampeggiante e l’indicatore di punti colorati, inoltre è progettato per funzionare in ambienti fino a 50° C.

Queste ultime caratteristiche rendono il lettore AV900 il prodotto ideale per le applicazioni logistiche, dall’ingresso merci allo smaltimento su nastri trasportatori di ogni dimensione e velocità. In particolare, la messa a fuoco sequenziale a due zone – per il passaggio tra due zone diverse – è indicato per smistare oggetti o leggere i codici, mentre la messa a fuoco dinamica permette la lettura su oggetti di diverse dimensioni e che si muovono ad alta velocità.

Infine, AV900 si integra con gli altri prodotti della famiglia AV: camere lineari AV500 e AV7000. Queste soluzioni, abbinate, consentono tracciabilità ad alte prestazioni. Inoltre, il dispositivo AV900 è compatibile con WebSentinel™ PLUS per il monitoraggio in tempo reale. Può interfacciarsi con le principali reti industriali come FIeldbus e Profinet, oltre che con PLC abilitati per IP Ethernet attraverso due protocolli Ethernet TCP/IP e due interfacce di comunicazione seriale.

Per maggiori informazioni sul lettore AV900 visita il sito Datalogic.

Per scoprire altre soluzioni industriali torna alla sezione News.


News
Nuovi interruttori di protezione per apparecchi multicanale

Posted on 10Lug

Phoenix Contact, nota azienda produttrice di prodotti e soluzioni per il settore dell’elettrotecnica e automazione, lancia le nuove varianti di interruttori di protezione per apparecchi multicanale CBMC … S-R-C.

I nuovi interruttori si adattano alle esigenze di ogni tipo di installazione, soddisfacendo qualsiasi esigenza per la progettazione dell’impianto.

Quali sono le novità delle nuove varianti degli interruttori multicanale?

Gli apparecchi possono essere sostituiti semplicemente senza la necessità di riprogettazione dell’impianto, grazie alla possibilità di regolazione personalizzata.

L’uscita di stato e l’ingresso di ripristino permette di monitorare a distanza lo stato dei dispositivi, inoltre è possibile riattivare i canali da remoto.

La possibilità di gestire le funzionalità a distanza consente un doppio risparmio in termini economici e in termini di tempi di installazione, di servizi e di rispristino che, gestiti da remoti, sono notevolmente ridotti.

Gli interruttori di protezione sono gestiti mediante la semplice pressione sui pulsanti LED e la possibilità di impostare il blocco elettronico per impedire la variazione indesiderata dei valori correnti.

La diagnostica è semplificata grazie all’uscita di stato integrata e all’ingresso di reset.

Caratteristiche principali degli interruttori di protezione

  • Quattro canali indipendenti
  • Corrente nominale impostabile in passi da 1 A
  • Configurazione in base alle esigenze
  • Uscita di stato e ingresso di reset
  • Possibilità di personalizzazione delle siglature
  • Protezione elettronica da sovraccarichi e correnti di corto circuito
  • Tensione nominale: 24 V DC
  • Connessione Push-in

Clicca qui per maggiori informazioni sugli interruttori di protezione di Phoenix Contact

Ritorna alla sezione News


Phoenix Contact Academy: webinar gratuiti

Posted on 09Giu

Viviamo un momento storico in cui le tecnologie industriale si evolvono velocemente ed, assieme ad esse, le soluzioni in termini di sicurezza industriale che vanno a tutelare sia l’integrità delle macchine che la salute delle persone.

Di fatto, l’ambiente industriale ha sempre comportato dei rischi, per questo motivo, all’interno delle aziende viene nominata una figura professionale responsabile della sicurezza.

Phoenix Contact, azienda dall’esperienza decennale nell’ambito della sicurezza industriale, mette a disposizione un’ampia gamma di servizi per mantenere aggiornate costruttori, gestori di macchine e tutte le figure professionali interessate a ricevere aggiornamenti e approfondimenti sulle nuove tecnologie e regolamentazioni.

Phoenix Contact ha messo a disposizione un vasto programma formativo: ben 64 webinar gratuiti!

Quali sono gli argomenti trattati dei webinar gratuiti?

Tra gli argomenti trattati ritroviamo:

  • comunicazione industriale (industrial ethernet)
  • piattaforma IIOT e sistemi Cloud
  • tecnologie wireless e relativi trend
  • sicurezza del macchinario e aspetti normativi,
  • nozioni e principi di una corretta installazione dei dispositivi per la protezione da sovratensioni.
  • programmazione PLC per applicazioni smart, con possibilità di sfruttare tutti i vantaggi di una piattaforma di controllo aperta e combinando l’affidabilità e la sicurezza dei classici PLC con l’apertura e la flessibilità di un EDGE Computer.

Perché partecipare ai webinar grauiti di Phoenix Contact?

In primis, i corsi sono gratuiti. Le modalità di partecipazione sono molto semplici. Si tratta di un’enorme opportunità per acquisire nuove conoscenze e restare sempre aggiornati. Il webinar ti permette di partecipare al corso da qualsiasi luogo, anche da casa. A differenza di un corso in modalità e-learning, il webinar è caratterizzato proprio dal dialogo che si instaura tra il docente e il partecipante: alla fine di ogni sessione, vi è un momento di approfondimenti e chiarimenti.

 Infine, Phoenix Contact è un’azienda possiede un know-how incomparabile: la qualità dei suoi servizi è assicurata!

Se vuoi partecipare ad un webinar, consulta il calendario.


News
Alimentatori Switching Phoenix Contact

Posted on 06Apr

Cosa sono gli alimentatori switching targati Phoenix Contact?
Gli alimentatori di tensione performanti QUINT POWER garantiscono, con nuove funzioni, la massima affidabilità degli impianti.
La SFB Technology e il monitoraggio preventivo delle funzioni incrementano l’affidabilità delle applicazioni.
Le soglie di allarme e le curve caratteristiche, come ad esempio la tensione di uscita, possono essere adattate individualmente.

Quali sono i vantaggi nello scegliere un alimentatore switching?

  • La tecnologia SFB attiva gli interruttori automatici standard in modo selettivo, mentre le altre utenze
    collegate continuano a lavorare in parallelo
  • Il controllo funzionale preventivo comunica gli stati operativi critici prima del verificarsi degli errori
  • Semplice ampliamento degli impianti tramite il boost statico e attivazione di carichi elevati tramite il
    boost dinamico
  • Elevata immunità ai disturbi grazie allo scaricatore a gas integrato e ad un tempo di copertura delle
    interruzioni di rete maggiore di 20 ms
  • Risparmio di spazio nella scatola di comando grazie al design compatto
  • Gli alimentatori di tensione con funzionalità avanzate sono parte del sistema COMPLETE line

QUINT POWER per alimentatori switching:
Potenti e dotati di tecnologia SFB
I potenti alimentatori switching QUINT POWER con tecnologia SFB, monitoraggio preventivo delle funzioni e impostazioni regolabili garantiscono la massima affidabilità.
QUINT POWER, anche sotto i 100 W, offre una combinazione unica per il monitoraggio delle funzioni preventive con un’importante riserva di potenza, il tutto in dimensioni compatte.
QUINT POWER soddisfa i requisiti di sicurezza funzionale (SIL) e garantisce la massima sicurezza di funzionamento. Durante il funzionamento in parallelo collegato a diverse fasi, il carico viene fornito in modo affidabile, anche in caso di problemi con la tensione di ingresso.

Parametrizzazione individuale:
Parametrizzate gli alimentatori in modo semplice e preciso con un PC o un dispositivo terminale mobile. Le soglie di allarme, come la tensione di uscita, possono essere impostate, mentre le curve caratteristiche possono essere definite individualmente.
Ampliamento degli impianti:

Il boost statico fornisce, in caso di ampliamento dell’impianto, fino al 125% della corrente nominale. Per l’avviamento di carichi pesanti, il boost dinamico mette a disposizione per altri 5 secondi il doppio della corrente nominale.

Ed infine, gli alimentatori switching QUINT POWER garantiscono la massima affidabilità degli impianti, con varie funzioni in differenti classi di potenza.

Insieme ad Agenzia RDS puoi trovare la miglior soluzione adatta alle tue esigenze. Se sei interessato agli alimentatoriswitching contattaci.
Per maggior approfondimenti CLICCA QUI

Ritorna alla sezione News (link al blog del nostro sito)


News
Scanner Laser DATALOGIC: SENTINEL

Posted on 27Mar

Cosa offre lo scanner laser Datalogic?

Lo scanner laser di sicurezza che offre una soluzione completa e flessibile per il monitoraggio delle aree di sicurezza delle macchine, di celle robotizzate e di veicoli a guida automatica.

Scanner Laser: modelli e utilizzo

Il modello standalone è una soluzione economicamente vantaggiosa, utile per applicazioni statiche come in celle robotizzate o per il monitoraggio dell’accesso a macchine pericolose.
I modelli master e slave possono essere utilizzati in combinazioni con fino a 4 scanner che coprono tutti i lati di una macchina o di un veicolo auto-guidato, con la possibilità di programmare, monitorare e modificare la forma e la posizione delle aree di sicurezza. La sincronizzazione degli scanner master e slave avviene automaticamente grazie alla comunicazione Ethernet realizzata con un unico cavo che trasmette sia il segnale che la tensione di alimentazione.

Scanner Laser: varie funzioni

In entrambi i modelli, le funzioni come il muting, l’override, il riavvio manuale, il monitoraggio dei dispositivi esterni e la misurazione della velocità, aiutano a gestire le numerose esigenze che possono sorgere quando si mette in sicurezza una macchina o un AGV.
I dati di misurazione per la navigazione diretta sono disponibili tramite la porta Ethernet e la rapida sostituzione riduce al minimo il tempo richiesto per la manutenzione.


Insieme ad Agenzia RDS puoi trovare la miglior soluzione adatta alle tue esigenze. Se sei interessato alla famiglia di scanner laser di Datalogic contattaci.

Per maggiori approfondimenti (link alla pagina Scanner Laser Datalogic)
Ritorna alla sezione News – Clicca qui


News
Sensori fotoelettrici Datalogic: S5N

Posted on 13Mar
Cosa sono i nuovi sensori fotoelettrici Datalogic?

S5N è la linea di sensori fotoelettrici M18 di Datalogic di nuova generazione dotata della nuova tecnologia ASIC e del protocollo di comunicazione IO-Link.

IO-Link è la prima tecnologia IO standardizzata (IEC 61131-9) per comunicare con sensori e attuatori. I componenti di sistema sono un master IO-Link e un dispositivo IO-Link: un sensore, un attuatore o una combinazione di entrambi.
L’impiego di un sistema IO-Link offre numerosi vantaggi, tra cui il cablaggio
standardizzato, la maggiore disponibilità dei dati, la configurazione e il
monitoraggio remoti, la sostituzione semplice dei dispositivi e le funzionalità di diagnostica avanzate.

Sensori fotoelettrici: quali caratteristiche?

Assieme, queste caratteristiche consentono di:

  • Ridurre il costo complessivo
  • Aumentare l’efficienza dei processi
  • Migliorare la disponibilità delle macchine
Perché scegliere i sensori fotoelettrici S5N

La nuova famiglia S5N con la nuova tecnologia ASIC di Datalogic renderà questa famiglia M18 la prima famiglia di sensori tubolari con IO-Link V1.1 Smart Sensor profile sul mercato.
Il nuovo master device IO-Link sarà disponibile con connettività bus Profinet ed Ethernet-IP selezionabile tramite part number. I nuovi sensori S5N dettano il nuovo standard di riferimento in fatto di sensori con connettività IO-Link per applicazioni Industry 4.0.


Insieme ad Agenzia RDS puoi trovare la miglior soluzione adatta alle tue
esigenze. Se sei interessato alla famiglia di sensori fotoelettrici S5N contattaci.
Per maggiori approfondimenti (clicca qui)
Ritorna alla sezione News


HomeHomeHome
Riduttori HDV / HDP+ in esecuzione Hygienic Design

Posted on 25Feb

LA PULIZIA PRIMA DI TUTTO.
La protezione contro la corrosione è fondamentale per assicurare processi produttivi qualitativamente ottimizzati che tengano conto della crescente domanda internazionale di una tecnologia di pulizia industriale. Il riduttore epicicloidale Hygienic Design è il primo al mondo nella sua classe ad avere ottenuto la prestigiosa certificazione EHEDG. Sicurezza e integrazione diretta nel processo sono ora possibili. Oltre al riduttore Hygienic Design HDV con albero di uscita è disponibile da subito anche la variante HDP con flangia di uscita.

APPLICAZIONI:

  • CIP (pulizia in loco) / SIP (sterilizzazione in loco)
  • Robot Delta
  • Industria alimentare (produzione, lavorazione, imballaggio, riempimento)
  • Industria cosmetica
  • Industria farmaceutica
  • Tecnologia di processo

I VANTAGGI:
Ideale per applicazioni igieniche e sterili
Possibilità di contatto diretto con alimenti
Pulizia veloce, efficiente e sicura
Resistente a detergenti chimici e disinfettanti
Massima tenuta (classe di protezione IP69K)
Massima resistenza alla corrosione
Nuove libertà costruttive grazie all’integrazione diretta nel processo per tutti i più diffusi sistemi di accoppiamento motore

NEL DETTAGLIO:
Requisiti di igiene: Hygienic Design
Superficie: elettrolucidata
Guarnizione: Guarnizione PTFE
Superfici di contatto: Acciaio “hygienic” 1.4404
Classe di protezione: 69K (a 30 bar, secondo la norma DIN40050-9)
Design riduttore: Forma costruttiva Hygienic Design
Certificazione: EHEDG


Vuoi sapere di più su questo prodotto? Clicca qui: https://urly.it/34b53


HomeHomeHomeHome
La perfezione degli armadi AX & KX SYSTEM PERFECTION di RITTAL

Posted on 12Feb

Armadietti compatti e contenitori di piccole dimensioni. L’armadio ideale in pochi minuti – con Rittal Configuration System gli armadietti compatti AX e i contenitori di piccole dimensioni KX possono essere configurati online in modo semplice e veloce con gli accessori a catalogo personalizzati. Tool di progettazione che visualizza solo gli accessori e componenti adatti al vostro #progetto. Modello 3D integrato con possibilità di inserimento componenti nella posizione corretta. Tutti dati CAD e NC necessari.

QUALI SONO I VANTAGGI DI: AX & KX

  • 30% di spazio in più per i cavi
  • 30% di tempo in meno per il montaggio
  • 30 nuove funzioni

AX, NEL DETTAGLIO:

Digitalizzazione delle parti piane

Il codice QR su tutte le parti piane semplifica l’integrazione automatica nel workflow di produzione e consente il monitoraggio digitale senza interruzioni dal magazzino fino al prodotto finito.

Rittal Configuration System

I numerosi strumenti digitali supportano i clienti Rittal nel processo di produzione automatizzato e nella realizzazione del prototipo virtuale.

Messa a terra

La messa a terra della piastra di montaggio con compensazione automatica del potenziale è notevolmente semplificata grazie all’utilizzo di una feritoia asolata realizzata sulla piastra di montaggio ed è possibile anche dopo l’avvitamento della piastra di montaggio.

KX, NEL DETTAGLIO:

Chiusura a filo

La chiusura a filo della portina, con inserto a doppio pettine installabile senza attrezzi, chiude in modo sicuro il contenitore E-Box e consente l’integrazione in sistemi di chiusura personalizzati.

Rittal Configuration System

I numerosi strumenti digitali supportano i clienti Rittal nel processo di produzione automatizzato e nella realizzazione del prototipo virtuale.

Montaggio

I contenitori di derivazione e contenitori per sistemi bus possono essere equipaggiati con guide portanti o piastre di montaggio a seconda delle necessità.

DAL LONTANO 1961 AD OGGI, L’INNOVAZIONE CONTINUA

Nel 1961, Rittal è stata la prima azienda al mondo a produrre armadi di comando in serie. Tutto ha avuto inizio con il contenitore compatto di apparecchiature elettriche AE, il predecessore dell’attuale gamma AX. Contrariamente a tutte le previsioni del settore, la vision di Rudolf Loh di produrre gli armadi su scala industriale, è stata realizzata con eccezionale coraggio e inventiva.

Vuoi saperne di più? clicca qui: https://urly.it/3493y


Back to Top